VinylPlus - massimo storico: quasi 740.000 tonnellate di PVC riciclate nel 2018, in crescita del 15,6% rispetto al 2017

Nel 2018 VinylPlus®, l'Impegno Volontario per lo sviluppo sostenibile dell'industria europea del PVC, ha riciclato 739.525 tonnellate di PVC con un aumento del 15,6% rispetto all'anno precedente.

I risultati sono stati presentati all'edizione 2019 del VinylPlus Sustainability Forum di Praga, Repubblica Ceca, dove l'industria ha condiviso ulteriori progressi verso l'incremento delle performance di sostenibilità del PVC. Organizzato il 9 e il 10 maggio, il tema di quest'anno “Accelerare l'innovazione” ha esaminato le sfide e le opportunità presentate dalle nuove tecnologie nel plasmare il futuro del settore del PVC nell’ambito dell'economia circolare.

Il Forum ha riunito oltre 170 partecipanti provenienti da 32 Paesi tra cui rappresentanti della Commissione Europea, Parlamento Europeo, Ministero dell'Ambiente ceco, Nazioni Unite, ONG, mondo accademico, professionisti, progettisti, riciclatori e rappresentanti della filiera del PVC. Esperti di alto profilo si sono confrontati sui tre pilastri - economico, sociale e ambientale - della sostenibilità e su come l'innovazione produca un impatto sull'industria del PVC e sul suo percorso verso lo sviluppo sostenibile.

Nonostante vincoli normativi, il Direttore Generale di VinylPlus Brigitte Dero ha annunciato che l'industria del PVC ha riciclato un massimo storico di quasi 740.000 tonnellate, il 92,4% dell'obiettivo di VinylPlus per il 2020. Il principale contributo proviene ancora da Recovinyl che ha registrato 734.568 tonnellate di PVC riciclato. Complessivamente, quasi 5 milioni di tonnellate di PVC sono state riciclate dal 2000. “VinylPlus continua a essere all’avanguardia nell'economia circolare”, ha commentato Brigitte Dero. “Attraverso il nostro Impegno Volontario, stiamo facendo continui progressi verso i nostri obiettivi di sostenibilità in linea con lo sviluppo di politiche UE che hanno un impatto sul settore delle materie plastiche”.

Il Forum è stato aperto dal Ministro dell’Ambiente ceco, Richard Brabec, che ha sottolineato la necessità di una gestione sostenibile delle materie plastiche nel contesto dell'economia circolare, che ha auspicato la crescita del riciclo e della domanda di prodotti riciclati.

Accogliendo i delegati, il Presidente di VinylPlus Stefan Sommer ha dichiarato: “Il motivo alla base del successo di VinylPlus è l'impegno dell'intera filiera, che prevede la collaborazione di produttori di resina, produttori di additivi e trasformatori di PVC. Per raggiungere ulteriori traguardi, dovremo intensificare la cooperazione con i nostri partner e potrebbe essere necessario identificarne di nuovi”. Sommer ha inoltre evidenziato che un “quadro legislativo equilibrato e armonizzato per il riciclo delle materie plastiche è essenziale per garantire il nostro contributo all'economia circolare e per raggiungere il nostro nuovo obiettivo di riciclare almeno 900.000 tonnellate entro il 2025”. Ciò sarebbe in linea con l'obiettivo della Commissione Europea per l'industria delle materie plastiche di riciclare 10 milioni di tonnellate, rimarcando il continuo impegno di VinylPlus con legislatori e istituzioni.

La Parlamentare europea Martina Dlabajová ha discusso il ruolo dell'industria nell'evoluzione della società e della sua formazione: “È assolutamente opportuno parlare di accelerare l’innovazione perché dobbiamo considerare le sfide e le opportunità del futuro. Cambiamento climatico, sostenibilità e ambiente sono temi importanti che dominano l’attenzione politica.” Ha aggiunto: “L'evoluzione verso lo sviluppo sostenibile richiede un cambio di mentalità. Mi capita spesso di citare VinylPlus come esempio di impegno volontario per lo sviluppo sostenibile da parte di un’industria efficiente. Solo attraverso la cooperazione con imprese e industria i politici possono prendere decisioni consapevoli.”

A seguire, Fulvia Raffaelli, Capo Unità alla DG GROW, Commissione Europea, ha evidenziato come il settore edilizio si stia adattando ai tempi digitali. “L’edilizia è spesso percepita come un settore conservatore, ma non lo è. È molto innovativa e la digitalizzazione può davvero aiutare a guidare l'innovazione nella direzione della sostenibilità. Ecco dove dobbiamo concentrarci: guidare la digitalizzazione in questo settore per raggiungere gli obiettivi di sostenibilità attraverso l'approccio al ciclo di vita, dalla fase di progettazione all'uso e riciclo a fine vita”.

Illustrando gli Indicatori di Impatto sullo Sviluppo Sostenibile per l’Imprenditoria sia profit che no-profit, Ilcheong Yi, Senior Research Coordinator dell'Istituto di Ricerca per lo Sviluppo Sociale delle Nazioni Unite (UNRISD), ha dichiarato: “Il valore che sostiene i pilastri sociali, economici e ambientali è vitale; lo sviluppo sostenibile non è solo durata. VinylPlus è un buon esempio di approccio olistico a questi valori fondamentali.

Jenny Walther-Thoss, funzionario politico di Biomassa Sostenibile e Certificazione Sostenibile al World Wide Fund (WWF), ha tenuto una presentazione su Standard e Certificazioni Ambientali dal punto di vista di una ONG. Ha sottolineato che i prodotti devono adattarsi a un approccio maggiormente olistico all'economia circolare attraverso metodi di produzione più efficienti e un focus sulla longevità del prodotto. Analizzando i sistemi di certificazione, ha posto l'accento sulla necessità di fornire impatto e valore, riconoscendo, in ogni caso, che trovare quell'equilibrio è una questione difficile da risolvere.

In una cerimonia ufficiale, altri quattro produttori di profili - Deceuninck, Finstral, Salamander Industrie Produkte e Internorm – hanno ricevuto il VinylPlus® Product Label. Ad oggi, otto produttori di profili hanno ottenuto il Product Label per 43 sistemi di profili prodotti in 13 siti europei in 11 Paesi. Basato su criteri di sostenibilità, tra cui approvvigionamento responsabile e additivi, il VinylPlus® Product Label è aperto a tutti i prodotti in PVC per edilizia e costruzioni.

Il Dott. Jo Dewulf, Professore di ingegneria bioscientifica all’Università di Gand (Belgio) e nuovo Presidente del Comitato di Controllo di VinylPlus, ha presentato una nota sulla Sostenibilità come Fattore Chiave per le Innovazioni nell'Industria della Plastica e ha riflettuto sull'impatto dell'innovazione per il futuro dell’industria del PVC. Chiudendo il Forum, Arab Hoballah, Team Leader Consumo Sostenibile e Impianti di Produzione (SCP) presso EU-SWITCH-Asia, ed ex responsabile SCP al Programma delle Nazioni Unite per l'Ambiente (UNEP), ha sottolineato come l'“eco-innovazione” possa aiutare a superare le sfide di sostenibilità affrontate dall'industria del PVC: “Ciò richiede integrazione della sostenibilità con un approccio di ciclo di vita in tutte le attività aziendali e la creazione di nuove soluzioni per soddisfare la domanda del mercato. Non possiamo vivere senza plastica, quindi consentiteci di parlare correttamente dei ‘buoni’.”

Riflettendo sul Forum, Brigitte Dero ha concluso: “Per quasi 20 anni VinylPlus ha aperto la strada verso un'economia circolare migliorando le prestazioni di sostenibilità del PVC. Creando sempre maggiori collaborazioni e partnership nel perseguire i nostri obiettivi di sostenibilità, porteremo il nostro impegno volontario di settore a livelli sempre più alti”.

VinylPlus è l’Impegno Volontario dell’industria europea del PVC. Il programma stabilisce un modello di sviluppo sostenibile di lungo periodo per l’industria del PVC affrontando una serie di sfide chiave nell’Europa dei 28, Norvegia e Svizzera. Per maggiori informazioni sui risultati di VinylPlus nel 2018, consultare il nostro Bilancio 2019